Se io scrivo

Ringrazio il cielo che mi abbiano insegnato a scrivere.
Scrivere è catartico, liberatorio. Scrivere è voluttà, sentimento, ragione.
E’ espressione pura dell’essere e, allo stesso tempo, una capacità rara, poiché non tutti riescono.

Perché se lo sai fare, scrivere può portarti lontano o farti scendere dentro di te, ma allo stesso può farti librare, volare in alto, in una dimensione in cui tutto si annulla e allo stesso tempo si crea.
Scrivere è puro spirito che si manifesta, dove è lei, l’Anima, a parlare.
E scrivendo io l’ascolto, le do voce. La coccolo.
Tutte le domande si dipanano, si sciolgono in un profluvio di lettere sincroniche che prendono corpo pian piano, diventando certezze.
Nulla più resta dentro, una volta scritto.
Ti senti poi leggero, come se qualunque cosa ci sia stata dentro di te fino all’attimo precedente, si fosse dileguata.

Scrivendo io amo, odio, piango, rido.

Tutto si esprime lì, materia scritta, su un foglio. Non restano più impalpabili, le emozioni.
Poiché è di quelle che io vivo.




.

domenica 16 gennaio 2011

Follia


C'è stato un tempo in cui ho creduto di esser forte, invulnerabile.

Volevo vivere il mio esser donna a modo mio ed a mio modo l'ho vissuto (e lo vivrò finchè potrò).
Così, stanca di essere lasciata ad attendere, seduta su una panchina nei loro giardini con aiuole incalpestabil, come solo una donna illusa può esser capace, ho preso a sassate vetri di storie che non mi facevano entrare dalla porta principale.
Come solo una donna furba sa fare, ho preso amori in prestito e rubato cuori che altre viandanti come me, avevano lasciato incustoditi.
Come solo una donna bambina sa ostinarsi, ho cercato l'amore dove non c'era, credendo che potesse bastare quello che sgorgava da me.
Ma, come solo a una donna felice può succedere, sono stata amata ed ho profondamente amato.
Ed ho anche lasciato andare chi avrebbe voluto veramente prendersi cura di me.
Come una solo una donna cieca, riesce a fare.



Ti prenderò la mano e sopra una
carrozza ti porterò a ballare...
Perché sarò il tuo re e non dimenticare che,
nelle scelte umane un re si può sbagliare.
E se succederà, ti prego, non lo odiare.
Solo così vedrai che la felicità…

Se la vuoi si trova, ricordati che vola solo chi osa
Dimmelo tu amore come si fa.

  (T'insegnerò - Povia)


.

75 commenti:

  1. Leggo questi tuoi pensieri, che sono la tua vita e ritrovo i miei e me. L'ho appena scritto da me sulle tue deliziose tracce lasciate lì.
    E allora mi correva una domanda e qui trovo la risposta.
    Sorrido per quanto ho letto da te, circa il blog su libero dove non parlavi d'amore. E questa tua affermazione mi ha detto l'opposto. E qui trovo conferma. E quello che credevo é certezza.
    Infatti subito mi é parso che l'amore abbia fatto parte di te da sempre. E tu abbia lavorato per celarltelo a mò di difesa.
    Benvenuta tra chi sa parlare d'amore perchè lo ha profondamente dentro. Viva o non viva un innamoramento, tu sei innamorata.
    Buon pomeriggio.....di Cuore :-)

    RispondiElimina
  2. Il rimpianto si vince con la forza. Si dice che il vero amore faccia giri strani...ci si vede al luna park?

    RispondiElimina
  3. Ebbene sono innamorata, si.
    Un anno fa avrei detto disperatamente, oggi posso dire serenamente.
    Ho l'amore dentro, è vero.
    E ne sono fiera: è una conquista per me.
    Non ne parlavo di là per pudore, qui mi sento meno esposta (ma è un eufemismo, visto l'episodio di ieri :D).

    Grazie a te di cuore, Cosimo!
    :))

    RispondiElimina
  4. OUT:
    Non ho nessun rimpianto, strano che tu percepisca questo...o meglio, è interessante :)))
    L'amore vero fa giri iperbolici, altrochè!

    [Massì, andiamo al Luna: voglio andare sul Tagadà, e poi sulla ruota panoramica, ma solo se si tratta di Londra, New York, Tokyo o Parigi...Mica sto a pettinà le bambole io! :)))]

    RispondiElimina
  5. Sì, è un percorso che va fatto. Poi però bisogna decidere che fare di sé, e io non saprei nemmeno immaginare la mia vita oggi che sarebbe se fossi sola senza un compagno, l'unica cosa di cui non mi pento è che quando ho potuto, in condizione di libertà mi sono sempre presa quello che ho voluto. Uomini compresi...bacio..:***

    RispondiElimina
  6. Anch'io ho sempre preso quello che volevo....
    Ma si arriva a un punto in cui la vita ci chiede di scegliere e di fare selezione anche nelle cose che si vogliono.
    Così c'è stato uno stop, come per Napoleone in Russia, insomma...
    bacio a te :))))

    RispondiElimina
  7. adoro questa canzone di Povia...ne ho donato l'ascolto a qualcuno che tra poco diverrà papà di una bimba...augurandogli di saper essere il suo re...senza arroganza! nelle tue parole trovo sempre un senso di appartenenza...un sorriso

    RispondiElimina
  8. Mi fa piacere che ti ci ritrovi nelle mie parole.
    In fondo la storia di alcuni non è altro che la storia di tutti alla fine...
    Spero che sia un bravo padre, si...sia per lui che per la piccola :))
    Un sorriso a te :*

    RispondiElimina
  9. Strano,non ti avrei mai detto capace di tanta forza ;)
    Complimenti

    RispondiElimina
  10. ho lasciato andare anch'io chi voleva prendersi cura di me . O forse mi sono allontanata io per seguire altre strade ma non sapevo che le avrei percorse a fari spenti,nella notte...altrimenti sarei rimasta dov'ero. MA NON AVREI MAI SAPUTO CHI SONO E FIN DOVE POSSO ARRIVARE.

    RispondiElimina
  11. La solitudine, ci sarebbero tante cose da dire, e stasera francamente non ci riesco per miei limiti individuali.
    Bel post a parte la canzone di povia.

    RispondiElimina
  12. Non credo affatto che una donna sia cieca se lascia andare chi avrebbe voluto prendersi cura di lei, credo che sia una donna consapevole e forte.
    non basta che l'altro ci ami per fermarci.
    oggi sono sola (a parte far l'amante disinpegnata). a volte mi pesa non avere un compagno, altre no. quel che so per certo è che le scelte fatte le rifarei e che questa strada, dovunque mi porterà, avrà il mio nome.
    io non ci riesco ad "accomodarmi"

    RispondiElimina
  13. Con 'sta cippa di cell non vedo tutti i commenti,andrò a memoria: a Scheggia chiedo se abbia ingoiato un cd di Battisti [e ridi dai!],leggo di donne che si sono prese ciò che han voluto,ullallà,finalmente qualcuna sincera,non siamo solo noi ometti ad agire 'volendo'. Per il Luna ti consiglio quello di Nizza,non male anche se immagino non regga il confronto con gli altri,non so cosa sia il Tagadà,avrei proposto lo Zumpappà ma non sono certo ci sia. Perché mai risulta interessante la mia errata percezione del rimpianto? Per quel gustoso gioco delle proiezioni? Il concetto dell'innamorata è evidente però...però...perché non riappropriarsi dell'oggetto? Io vorrei esserlo...mannaggia,avrei fatto e farei voli stupendi. Da seduto.

    RispondiElimina
  14. No so quale sia l'episodio di ieri.
    E' riportato su qualche post?

    RispondiElimina
  15. ALESSANDRO:
    Capace di tanta forza, moi????
    naaaaaaa....sono una pappetta, credimi!
    :)))))

    RispondiElimina
  16. SCHEGGE:
    tu mi stupisci sempre con effetti speciali, darling! smuack! :)))

    RispondiElimina
  17. ECATE:
    No problem, fai come senti, ci mancherebbe! :)
    La canzone di Povia ha un suo perchè, solo per quelle parole lì...
    non è che sia il massimo, lo so :))

    RispondiElimina
  18. SHADOW:
    Anche tu credi che sia forza quella?
    Non so...io la chiamo follia, appunto.
    Ma forse è la stessa cosa, chi lo sa.
    Anche io oggi so che le scelte fatte un tempo le rifarei e ad "accomodarmi" non ci riesco proprio, come te.
    Lo stare sole non è poi così male, se al contrario la compagnia non è all'altezza.
    Diciamo che la solitudine sentimentale è il male minore, per come la vedo ora io :))

    RispondiElimina
  19. OUT:
    Eccerto che ci prendiamo quello che vogliamo, mica siamo soggetti passivi: il tempo delle povere donzelle sottomesse e passive credo sia terminato da un pezzo :))
    Come non conosci il Tagadà? forse dalle tue parti si chiama in altro modo, In ogni caso poi mi spieghi cos'è lo Zumpappà...eh!
    La tua errata percezione del rimpianto è interessante non per quel gustoso gioco delle proiezioni, quanto perchè mi chiedo cosa ho potuto far trasparire dalle righe, visto che a tutto pensavo fuorchè al rimpianto, mentre scrivevo.
    Infine mi spieghi questo, please?
    "perché non riappropriarsi dell'oggetto? Io vorrei esserlo...mannaggia,avrei fatto e farei voli stupendi. Da seduto."
    Riappropiarsi di quale oggetto, scusa?
    tu cos'è che vorresti essere?
    ho capito solo il finale, voli stupendi da seduto e basta...
    perdonami :))))))

    (e buttalo sto cellulare, fammi il favore! :D)

    RispondiElimina
  20. COSIMO:
    l'episodio di ieri lo trovi nel post precedente.
    Si dovrebbe capire dai vari commenti abbastanza chiaramente, cosa è successo :))

    RispondiElimina
  21. Per AUT: Non ci crederai ma io rido spesso :)
    Per Alma: ahahahahahh! vedi, con me non hai bisogno di andare sul tagadà ;)

    RispondiElimina
  22. Ahhh! allora tu lo conosci il Tagadà!
    spiegalo un po' ad Out cos'è, please!
    baci :**

    RispondiElimina
  23. Magari hai fatto bene anche quella volta (o magari solo quella volta), chi può dirlo? "E rimpiangere, rimpiangere mai ..."

    RispondiElimina
  24. La vita é tutto un Tagadà...ed aggiungo, per fortuna :-))

    RispondiElimina
  25. cheggina lo so che ridi,dicevo così,solo per rompere un po' ;) Comunque direi che qui sono proprio l'unico pirla che non conosce 'sto Tagadà. Per il resto aspetto di aver un pc altrimenti il commento finisce chissà dove.

    RispondiElimina
  26. SOGNO:
    è successo più di una volta, sono una recidiva :))
    non mi accontento solo perchè so di essere amata, questo è il punto, come dice Shadow.
    Voglio amare, sennò mi spengo.
    Non c'è rimpianto: quella cecità di cui parlo, significa proprio che non sono riuscita ad "accendermi".
    Semmai il solo rammarico è quello, ma sono umana :)))

    RispondiElimina
  27. COSIMO:
    ah, ecco, mi sembrava strano!
    quindi lo conosci pure tu il Tagadà!
    bene!:)))

    RispondiElimina
  28. OUT:
    in attesa di una sua cortese risposta computerizzata...
    ..ecco, si becchi iltagadà!
    :))

    RispondiElimina
  29. Ci sono giornate che non scendo dal tagadà neppure di notte :-D

    RispondiElimina
  30. Eheheheheh...io di solito ci salgo proprio di notte sul tagadà.
    Alcuni la chiamano insonnia :))

    RispondiElimina
  31. Grazie,ora potrò dormire,so cosa sia il tagadà! Non ti posto foto dello zumpappà perchè non è un blog per adulti [ironia saltami addosso]. La fallace sensazione del tuo rimpianto era nata dal tuo "cieca" [che pareva un rammarico] ma leggendo altra risposta comprendo ora il vero senso. Della mia frase [non sei tarda tu,sono contorto io] il fulcro era "innamorata": essendolo [tu] perchè non ti riappropri dell'oggetto [s-oggetto,ero ironico,anche in relazione al "prendo ciò che voglio"]] di tale amore? Sempre partendo dal fulcro IO vorrei esserlo [innamorato] perchè se lo fossi [se riuscissi ad innamorarmi] seguirei [avrei seguito] i voli delle splendide donne che,bontà loro,sono capitate dalle mie parti. Sono stato esaustivo o solo esaurito? :DD

    RispondiElimina
  32. Chissà perchè non ti abbia mai notata di notte sul tagadà :-)

    RispondiElimina
  33. OUT:
    Prendermi ciò che voglio...uhmmmm...
    Mettiamola così: sai quando ritieni di aver fatto tutto il possibile in tre anni (ho cambiato città, lavoro, casa...) e vedi che l'altra parte resta sempre di marmo? ecco... Sarà che non sono un'esperta scultrice, perchè l'unica cosa rimastami da fare era cominciare ad usare lo scalpello ed assumermene le conseguenze, non so se mi spiego.
    Così ho detto basta fare voli...Io ho già dato.
    Credo sia il caso che il marmo faccia la sua parte ora, (mi viene in mente Michelangelo col suo Mosè), non credi?
    Dimmi tu, che sei una controparte maschile.

    Sei stato esaustivo si...
    se sei esaurito, non lo so, devo ancora approfondire la conoscenza, ahahahahah..

    RispondiElimina
  34. COSIMO:
    forse perchè quando ci salgo io tu scendi, o viceversa? :)))

    RispondiElimina
  35. Almaplena...

    Non é che al marmo manca la miccia per far detonare la dinamite? :-)))))

    Per il tagadà diamoci un appuntamento, potremmo tentare per un equilibrio, anche se un pò precario:-)

    RispondiElimina
  36. Credo che manchi solo la corrispondenza di amorosi sensi in egual misura :))))

    Sul tagadà l'equilibrio è sempre precario, il gioco sta proprio nel cercare di trovarlo, nonostante gli scossoni continui.
    Mi divertiva un sacco farmi shakerare, lassù!
    il contatto con la terraferma dopo era troppo... pacifico :)))

    RispondiElimina
  37. .....e serve solo l'egual misura :-))))

    Devo dirti, forse sarebbe meglio ogni tanto variare con un volo su un aeroplanino biposto.
    Provato e, mi sono sentito come si può sentatire il tonno dentro un lattina da 80 gr.:-)))

    RispondiElimina
  38. In certi frangenti il marmo credo tornerebbe utile comunque le tue decisioni avrebbero dovuto entusiasmarlo,sempre trattandosi d'amore vero s'intende.

    RispondiElimina
  39. COSIMO:
    L'ho provato anche io, il biposto...
    MAI PIU'! :)))

    RispondiElimina
  40. OUT:
    All'inizio era al settimo cielo dalla felicità, altrochè.
    Poi è caduto, da lassù....

    ehmmm....il marmo è utile, in certi frangenti, certo, mooolto utile!
    :)))

    RispondiElimina
  41. Io lo riproverei SEMPRE, così mi distrae:-)))

    RispondiElimina
  42. Buona sera cara.
    Bel blog complimenti!
    Essere donna mia cara è bello...
    essere donna voler apparire per essere i numero 1!
    essere donna non significa pretendere l attenzione di chi è disinteressato o che ha un altra vita...
    Essere donna è essere semplicemente se stesse...con naturalezza...senza cadere nel volgare...o nella stupidità.
    Essere donna vuol anche dire saper lottare per il suo uomo...ed io sono un ottima lottatrice di questo!
    Esternare l'amore...è bello...non c'è bisogno di tenere tutto dentro.
    L'amore e amare sono due cose bellissime...ma quando essa finisce...ti senti vuota.
    Sto provando queste sensazioni su la mia pelle...e credimi di tagli colui me ne sta procurando tanti...
    Ma non provo odio per lui ne rancore....
    Solo rabbia.
    Mi fa sorridere perchè è buffo come un uomo possa pensare di far soffrire una donna con gesti o commenti verso un altra donna.
    Lo trovo buffo tutto ciò.
    Ma caratterialmente sono molto serena e dolce...amo guardare eppoi agire.
    Ora mi godo lo spettacolo...poi agisco.
    Bene...ti auguro tanta felicità con il vero uomo che ami...e non di chi ti butta fiumogeni con paroloni.
    Serena serata mia cara.

    RispondiElimina
  43. Aaaa...il tagada è una giostra che adoro...e infatti io sono sempre al centro mentre tutti guardano stupiti...
    Chi è al centro mia cara è il più forte.
    Chi resta seduto è un perdente che sbatte sbatte e si fa male!ahahahah!:)))
    A presto.

    RispondiElimina
  44. COSIMO:
    Non mi piace tanto sentirmi una sardina volante :))

    RispondiElimina
  45. GIUSY:
    Ciao e benvenuta!
    Sei stata molto chiara e descrittiva :))
    Io spero davvero solo di ritornare con l'uomo che amo, è la sola cosa che conta per me.
    Il resto è solo fumo, appunto :))
    Buona serata :))

    RispondiElimina
  46. Eddaiii che tornerai con l'uomo che ami,su...la tenacia rende merito,prima o poi.

    RispondiElimina
  47. OUT:
    eheheheh...dici? ora come ora, ti direi due paroline in privato, ma non per quello che pensi ti..
    Nun te montà la testa :))

    RispondiElimina
  48. Non monto nulla,non sono bravo col meccano...basta che non mi dici "ti adoro" perchè me lo dicono in tante ma non mi si piglia nessuna :((

    RispondiElimina
  49. Non ho alcuna intenzione di dirti che ti adoro, nè di pigliarti con mezzi così subdoli.
    Sarei abbastanza diretta. :))
    Pensi di non avermi insegnato niente con tutte le lezioni di vita sentimentale che mi hai dato in questi giorni? :))
    Dovrei dirti una cosa simpatica che mi è accaduta, ma a sto punto non te la dico più...
    tiè! :P

    RispondiElimina
  50. Se è simpatica sono contento ti sia capitata,è bello vivere "di rimando" un po' di spensieratezza in questo mondo di eterni incazzati.

    RispondiElimina
  51. OUT:
    oh, certo! Una cosa che rende molto spensierati.
    Ma non invidiarmi eh?
    :)))

    RispondiElimina
  52. Apprezzo tanto il tuo ironizzare...
    brava...ti ammiro.
    Nella Vita quando ci sono delle amarezze,situazioni spiacevoli,ecc...non serve stare li a deprimersi...la Vita va avanti...
    Sai...io sono un po come te...anzi forse molto di piu'...
    Ci soffro su le cose...ma poche volte lo manifesto...
    Insomma anche se sto male da morire...cerco di sorridere sempre.
    Spero di vero cuore che tu possa riabbracciare il tuo amore...e se così non fosse...
    Beh!non ti arrendere mai...ottimismo.
    Nella Vita ci sono tante belle persone....e chissà se il destino non ti farà incontrare l'uomo giusto per te.
    Comunque...io "TI ADORO"generalmente lo dico a chi amo o mi sta molto a cuore.
    Sono punti di vista.
    P.S.Okkio al tagadà mantieniti altrimenti cadi...hihihii!
    Scherzo...
    Serena serata.

    RispondiElimina
  53. Se è come dici è simpa sul serio...io mi ci sono sempre divertito...

    RispondiElimina
  54. X OUT...

    OUT non ti conosco...ma mi sei simpatico...hihihiii!
    Felice di conoscerti anche a te.

    RispondiElimina
  55. Ma ciao Giusy...il mio commento era in risposta ad Alma però risulta curiosamente sensato [lo sono raramente] anche riferito alle tue parole. A proposito del "ti adoro" la penso come te eppure t'assicuro che me lo dicono le amiche,all'inizio la cosa mi ha sconcertato ora ci sono abituato [nel senso che non lo interpreto come un tiamo potenziato].

    RispondiElimina
  56. Out...hai ragione.
    Beh!che dire...purtroppo ora come ora si stanno perdendo tanti valori su l'amore e su le parole.
    Ad esempio "Ti amo"è su la bocca di tutti e tutte...con naturalezza, lo dicono come se fosse una parola di poco conto.
    Ragazzine,donne fasulle o uomini ipocriti per per apparire o per attirare l'attenzione usano questa bellissima parole per fare colpo.
    Sai...io non ti nascondo che fino ad oggi...sussurrando questa frase mi vengono i brividi.
    Ed è questo che si dovrebbe sentire nel dirlo...e nel riceverlo un ti amo.
    Non credi?
    C'è tanto da dire su questo argomento...
    ma non sono a casa mia...anzi mi sono anche presa troppo spazio in questo blog...:)
    Sei molto gentile...grazie.
    Apprezzo la tua gentilezza.
    Okkio alle sirene quando cantano...:)))
    Scherzo ovviamente.
    Serena serata a voi.

    RispondiElimina
  57. Non preoccuparti,scrivo nei blog perchè sono sordo,non sento i tiamo e nemmeno le sirene...per questo mi multano :DD

    RispondiElimina
  58. GIUSY:
    Eheheheh..in questo blog di ironia ne uso poca, perchè vorrebbe essere un tentativo di raccoglimento nei miei ricordi.
    Una fase poetica, diciamo.
    Di solito sono una casciarona, ma qui non mi andava di esserlo.
    E sono molto ottimista, anche se qui non lo do a vedere, perchè il blog ha un'aria melò, volutamente :))
    Il desiderio di stare con lui è forte, ma ci sono delle difficoltà oggettive di cui non posso più non tener conto.
    Come vedo hai fatto la conoscenza di Out, sto prendendo lezioni su come fare a guardare oltre da lui... non so neanche se se n'è accorto! :)))
    Tranquilla, puoi venire quando vuoi :))

    RispondiElimina
  59. OUT:
    Io non ho mai detto ti adoro ad un amico.
    Al max in passato ho usato "tesoro"...
    So che bisogna dare il giusto valore alle parole,noi donne sappiamo bene la differenza tra un ti voglio bene ed un ti amo....di solito sono passaggi successivi l'uno all'altro.
    Mi sono sempre chiesta perchè non facciamo come gli inglesi e diciamo I love you a tutti, così non si incavola nessuno.
    Credo sia una questione di lingua, non di linguagio :)))

    RispondiElimina
  60. OUT:
    hai visto? anche Giusy la pensa come me!
    che sei tremendo cioè! :)))

    RispondiElimina
  61. Alma ha detto che è sordo non cieco...ahahahah!
    Scherzo...
    Guardare oltre è bellissimo gioia...e io riesco a guardare oltre le parole...
    Ed è una cosa che tanti apprezzano in me...
    non si puo facilmente descrivere a parole...ma solo chi riesce a leggere tra le righe ne percepisce l'essenza del'inchiostro...e di chi le ha incise.
    Dolce serata Alma.

    RispondiElimina
  62. Alma ma molti/e sono già oltre gli inglesi con il largo uso e consumo del "ti adoro".
    ....ma proprio oltre :-))

    RispondiElimina
  63. Alma,prometto che starò zitto,a parte tutto non è da me che dovrai "prender lezioni",sono l'ultimo che possa insegnare d'amore,ne parlo,ne piango e ne rido ma probabilmente non l'ho mai provato,altrimenti sarei con una lei invece che star qui ;)

    RispondiElimina
  64. GIUSY:
    Ma Out secondo me non è nè cieco nè sordo...sta a fa lo gnorri! :)))

    La cosa più bella è riuscire a leggere tra le righe, perchè vuol dire che è entrato in contatto con il cuore di chi scrive.
    Grazie delle tue parole Giusy, a presto :)))

    RispondiElimina
  65. COSIMO:
    davvero?
    allora mi devo mettere a la page...sono rimasta veramente indietro! :)))

    RispondiElimina
  66. OUT:
    perchè devi stare zitto? a me interessa quello che dici, sei una controparte maschile di tutto rispetto :))
    Si impara da tutti, tutti abbiamo qualcosa da dare.

    Mi rendo conto che il blog non è il massimo, anche io preferirei essere altrove, tiè! :P

    RispondiElimina
  67. Alma, meglio se rimani indietro, giusto il tuo giudizio di poco fa sull'uso del "ti adoro".
    Come sono io indietro, che da sempre ho saputo quali fossero i gradini che hanno "ti voglio bene, ti amo, ti adoro". E li ho usati solo così :-))

    RispondiElimina
  68. Stare zitto nel senso di smetterla di scrivere fesserie,sarò solo serissimissimo :))

    RispondiElimina
  69. COSIMO:
    Anche io li ho usati solo così, del resto c'è una sorta di gerarchia delle frasi relativa alle tappe nel rapporto.
    Io in un certo senso la seguo, anche per ascoltare meglio i miei sentimenti.
    Purtroppo saltarne qualcuna è sempre un rischio :D

    RispondiElimina
  70. OUT:
    io non voglio che tu sia serissimissimo!
    voglio che tu sia fifty fifty :)))

    RispondiElimina
  71. Impossibile,sono solo al 100peccento! *e dopo questa cazzata posso andare a dormire*

    RispondiElimina
  72. Si, andiamo a letto che stasera mi hai fatto fare gli straordinari :))

    RispondiElimina
  73. Non so. Io "ti amo" l'ho detto pochissime volte in vita mia. Penso che l'amore vada prima di tutto dimostrato. Dirlo è facile, che ci vuole?
    Buongiorno! qua si fanno le ore piccole...-))***

    RispondiElimina
  74. sai che ti dico? non ti rispondo subito, perchè ci farò un post :))
    si, ieri si è tardeggiato un po'...
    Bacio :*

    RispondiElimina

Dimmi la tua....

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.